text.skipToContent text.skipToNavigation
Regalo in OMAGGIO a partire da 40€
100% Acquisto sicuro
Spedizione Gratuita a partire da 45 €

TROVA IL TUO PERCORSO DI FITNESS VEGAN con Paul – un runner di resistenza e plogger

Abbiamo la missione di ispirare il mondo a vivere una vita più sana e in forma. Qualunque sia la passione delle persone, per tutti i loro percorsi individuali di fitness, noi siamo a loro disposizione con i prodotti, i nutrizionisti esperti e la community di cui hanno bisogno. Non esiste una ricetta unica di fitness valida per tutti, è questo che sosteniamo con la nostra nuova campagna #FINDYOURFIT. Quindi, dove trovare migliore ispirazione se non attraverso le storie delle persone che fanno parte della nostra community. Ti presentiamo Paul, un runner inglese di resistenza di 54 anni e “plogger” (una persona che corre mentre ripulisce le strade dai rifiuti). Paul vive ad Haarlem, nei Paesi Bassi. Oggi è vegano e ritiene che questa scelta sia stata una delle migliori che abbia fatto per il suo corpo, per il suo allenamento e per la sua corsa di resistenza. #FINDYOURVEGANFIT. 

Trovare il mio spazio sicuro nello sport, soprattutto nella corsa 

“Vivo nei Paesi Bassi da circa 20 anni ormai, ma sono originario di un piccolo villaggio in Inghilterra chiamato Hatfield. Ho avuto un’infanzia molto felice. Mia madre aveva un’edicola, e nei fine settimana consegnavo i giornali quando i suoi normali ragazzi/ragazze non potevano venire. A volte mi ritrovavo con diversi giri da fare, così li facevo di corsa – da qui è nato il mio primo amore per la corsa. Ho sofferto di ginecomastia a scuola (una condizione medica caratterizzata dallo sviluppo delle mammelle negli uomini o nei ragazzi) e sono stato molto bullizzato per questo. La scuola può essere un luogo brutale e ho sviluppato una bassa autostima. Per me, lo sport è diventato un rifugio. Ho fatto molti sport diversi e vari giorni alla settimana restavo dopo la scuola per giocare a hockey, atletica, basket, pallavolo, ecc. Lo sport era sicuramente il mio spazio sicuro.” 

Correre mi ha anche dato forza mentale e fisica  

“Fin dall’infanzia ho avuto problemi di peso. Una volta un insegnante di educazione fisica mi disse: ‘saresti un ottimo sportivo se non fossi così pesante’. All’epoca avevo 13 anni. Mi ha incoraggiato a fare allenamento con i pesi e ho anche iniziato a correre con l’unica intenzione di perdere peso. Uno dei momenti più belli per me è stato dopo che ho perso un po’ di peso e la mia classe ha partecipato a una gara di 400 m. Non ho vinto, ma ho dato tutto me stesso e sono arrivato nella prima metà della classe. Il mio insegnante di sport ha poi dato a tutti una lezione su come mi stavo mettendo in mostra dando il massimo. Questo è un ricordo positivo molto influente per me.” 

La paternità e il dover spostare la mia attenzione dal solo fitness 

“È passato molto tempo da quando, da bambino, correvo nella campagna inglese. Secondo i miei calcoli, corro da più di 40 anni! Accidenti! Una volta vivevo secondo la regola del “più sport ci sono, meglio è”, e amo ancora praticare tanti sport diversi. Ma quando sono diventato padre (ho un figlio, Finley, di 19 anni e una figlia, Maia, di 15), la mia attenzione è cambiata e mi sono limitato ad un unico sport: il triathlon (hai visto? 3 sport in 1!!). Mi piace concentrarmi sulla resistenza. Sforzarmi a lungo e dimostrare la mia forza. Nel triathlon, ho amato la distanza dell’Ironman (l’ho fatto a Zurigo e Francoforte). Ho anche partecipato alla leggendaria Marathon des Sables: una gara estrema che copre l’equivalente di 6 maratone in 7 giorni nel Sahara.” 

Il disturbo da alimentazione incontrollata e il controllo dei miei demoni interiori nei miei obiettivi di fitness 

“Non sono una persona che diventa più veloce man mano che va avanti. Il mio miglior tempo nella maratona è di 3:23. La nutrizione e l’alimentazione del corpo sono sempre stati un punto debole per me. Soffro di BED (Binge Eating Disorder, disturbo da alimentazione incontrollata). Mostro anche tratti di Bulimia da esercizio. Dopo un’abbuffata la sera prima, spesso mi costringo a correre distanze estreme per “bruciare le calorie”. La causa principale è sicuramente una bassa immagine di me stesso, ma con l’età arriva la saggezza e quindi queste sfide non mi definiscono più. Saranno sempre lì, pronte ad apparire, ma ho imparato a controllarle concentrandomi su di me e non su quello che pensano gli altri. Mi sforzo ancora di essere il più sano e in forma possibile, ma lo faccio per me e non per quello che pensano gli altri. Mentre l’obiettivo finale non cambia, il percorso è molto diverso – l’atteggiamento è positivo piuttosto che negativo.” 

Diventare un runner di resistenza vegano è un percorso a parte 

“Penso che il mio interesse per la nutrizione e il cibo sia iniziato come quello di molte persone in sovrappeso: con le diete di moda. Non sono super informato sulla nutrizione. Ho molto da imparare e amo ancora il junk food. Ora, mi concentro sulla moderazione. Una volta ero un gran mangiatore di carne, ma sono diventato vegetariano per la prima volta negli anni ‘80. Era più un esperimento, in realtà. Stavo cercando di essere uno dei ragazzi fighi. Quando alla fine sono tornato a mangiare carne, però, mi sono reso conto di quanto fossi lento e pigro, eppure ho continuato. Nel corso degli anni mi è rimasto in mente, finché alla fine mi sono detto: “Non voglio più mangiare carne”. Sono tornato a essere vegetariano per qualche anno, poi ho deciso di diventare vegano nel gennaio 2019. La differenza nel modo in cui mi sentivo, nel mio corpo e nelle mie prestazioni, era incredibile. Non penso che tutti dovrebbero essere vegani, ma penso che le persone dovrebbero essere più aperte a provarlo. Come vegano, mi sento più leggero, più in forma e più energico che mai per uscire e allenarmi.” 

“Inoltre, a 54 anni, corro ancora 4.000 km all’anno (11 km al giorno). Mi sento spesso dire: ‘come fai a correre così tanto alla tua età?’. La mia risposta? ‘Sono vegano!’. Poi dico che ho corso tutta la mia vita, certo, ma non credo che sarei a questo livello a questa età se non fossi vegano. Sono semplicemente io. Non sono un Adone super magro. Sono una persona normale con pezzi traballanti. Ho solo trovato quello che ha funzionato per me, e anche tu puoi farlo.” 

Il mio impegno per l’ambiente e il “plogging” 

“Sono diventato vegano perché era adatto a me, al mio corpo, al mio allenamento. È stato solo più tardi che ho imparato di più sul lato della sostenibilità. Da ventenne, ero molto più consapevole di quanto non lo sia da cinquantenne e mi manca quella persona. Ora, mi impegno a fare plogging ad ogni corsa. Il plogging è fondamentalmente la raccolta di rifiuti mentre si corre, e ho effettivamente iniziato a pubblicizzare il mio plogging per ispirare gli altri a correre. I principianti spesso corrono usando una miscela di corsa/camminata (correndo 1 min, camminando per 9 min e poi aumentando lentamente la durata della corsa). Molte persone (soprattutto se sono in sovrappeso) si sentono a disagio quando camminano o hanno paura che la gente li giudichi perché non corrono. Quindi, suggerisco loro di fare una corsa di 1 minuto e 9 minuti di plog-walk. Se durante la camminata vai in cerca di spazzatura, non ti sentirai così in imbarazzo e aiuterai l’ambiente. Quanto è figo?” 

Accettati come sei, per te stesso: non fare il bullo contro te stesso 

“Crescendo, il più grande bullo che ho incontrato ero io. Mi vergognavo del mio grasso ogni volta che mi guardavo allo specchio, fino ai miei 50 anni. Ma un giorno mi sono detto: ‘questo sono io’. Per anni, quando dicevo alla maggior parte delle persone che correvo le maratone, mi rispondevano sorpresi: “Davvero? Questo è quello che mi faceva più male. Eppure, ora non mi importa più. Diamine, sì, corro le maratone. Potrei farne una domani, se vuoi! Provaci tu... Il fitness e la nutrizione diventano ogni giorno più importanti per me, per essere il meglio che posso essere per me stesso e dare un esempio positivo ai miei figli.” 

Un giorno nella vita di un runner di resistenza vegano e plogger 

“La prima cosa che faccio dopo essermi alzato è prendere un caffè. Poi, è il momento di YouTube e del foam roller. Alla mia età, mi basta usare questo roller al mattino mentre guardo uno YouTuber che corre per trovare un modo fantastico di sciogliermi, allungarmi e prepararmi per la corsa. Poi... CORRO! Sopra i 50 anni trovo che i giorni di riposo non sono così positivi. Mi irrigidisco. Quindi, faccio qualcosa quasi ogni giorno, anche se è solo una facile corsa in bicicletta di 20 km o 30 minuti di jogging. Dopo l’allenamento, vado al lavoro (sono un analista di business/dati IT), poi dopo il lavoro torno a casa e cucino. Mi avvicino al cibo in modo semplice. Serve per darmi energia. Per alimentare il mio corpo. Se mangi qualcosa, devi sentirti pieno di energia, no? Amo cucinare e la cosa bella dell’essere vegani è che si tende a sperimentare di più. I miei figli lo adorano (a volte, almeno!). Dopo di che, mi rilasso con la famiglia e riposo il tempo necessario a continuare a fare ciò che amo.” 

I prodotti della SERIE VEGAN Body&Fit che Paul ama usare 

Sono un po’ alle prime armi con la nutrizione per le prestazioni, ma al giorno d’oggi mi piace usare l’alimentazione sportiva nelle sessioni superiori ai 90 minuti e sono davvero interessato a saperne di più e a provare prodotti nuovi. Recentemente ho iniziato a prendere Body&Fit Vegan Vitaman D3 e aggiungerò le Body&Fit vegan protein bars negli allenamenti pesanti. * Può essere difficile trovare cibi vegani pratici e gustosi per fare uno spuntino, ad essere onesti. 

*La serie Vegan Body&Fit è una gamma completa di prodotti nutrizionali vegetali per sostenere ogni obiettivo di salute e fitness, dalle proteine vegane alle barrette vegane, alle vitamine e integratori e molto altro. 

Segui tutte le epiche avventure di Paul su Instagram @wayeoflife ed esplora il suo sito web Plog, Run Long, Vegan | Waye of Life. Leggi di più sulla storia vegana di Paul insieme ad altre storie nel nostro blog: i migliori consigli vegani, l’ispirazione e le informazioni dalle persone della community Body&Fit. 

prodotti consigliati